• +39.0961.764755
  • ngt.testcz@gmail.com

Normative

SETTORE CIVILE

CAROTAGGIO: UNI EN 12504-1  – Prove sul calcestruzzo nelle strutture – Parte 1: Carote – Prelievo, esame e prova di compressione

La norma specifica un metodo per il prelievo di carote dal calcestruzzo indurito, il loro esame, la loro preparazione per le prove e la determinazione della resistenza a compressione.

PROVA MAGNETOMETRICA:  BS1881:204 – Testing concrete. Recommendations on the use of electromagnetic covermeters ACI Concrete Practices Non Destructive testing 228.2R-2.51:Covermeters

La norma specifica il metodo di prova per individuare la posizione dell’armatura all’interno di un elemento in calcestruzzo armato mediante un misuratore elettromagnetico (pacometro).

PROVA SCLEROMETRICA:  UNI EN 12504-2 – Prove sul calcestruzzo nelle strutture – Parte 2: Prove non distruttive – Determinazione dell’indice sclerometrico

La norma specifica un metodo per la determinazione dell”indice sclerometrico di un”area di calcestruzzo indurito utilizzando un martello di acciaio azionato da una molla.

PROVA ULTRASONICA: UNI EN 12504-4 – Prove sul calcestruzzo nelle strutture – Parte 4: Determinazione della velocità di propagazione degli impulsi ultrasonici

La norma specifica un metodo per la determinazione della velocità di propagazione degli impulsi delle onde longitudinali ultrasoniche nel calcestruzzo indurito, utilizzato per numerose applicazioni.

PROVA DI CARBONATAZIONE: UNI EN 9944 – Corrosione e protezione dell’armatura del calcestruzzo. Determinazione della profondità di carbonatazione e del profilo di penetrazione degli ioni cloruro nel calcestruzzo

La norma si riferisce alla determinazione della profondità di carbonatazione ed al rilevamento del profilo di penetrazione degli ioni cloruro. Le determinazioni possono essere eseguite sia per indagare sulle cause di un fenomeno di corrosione già avvenuto sia per ricavare elementi di giudizio sul comportamento nel tempo dell’armatura.

PROVA PULL OUT: UNI EN 12504-3 – Prove sul calcestruzzo nelle strutture – Parte 3: Determinazione della forza di estrazione

La norma specifica un metodo per la determinazione della forza di estrazione del calcestruzzo indurito per mezzo di un inserto preinglobato nel getto costituito da un disco e uno stelo ,oppure di un dispositivo simile inserito successivamente per foratura all’interno del calcestruzzo indurito.

PROVA PULL OFF: UNI EN 1542 – Prodotti e sistemi per la protezione e la riparazione delle strutture in calcestruzzo- Metodi di prova- Misurazione dell’aderenza per trazione diretta

La norma specifica un metodo per misurare la resistenza dell’aderenza per trazione diretta di malte per iniezione, malte, calcestruzzi e sistemi di protezione superficiale utilizzati per la protezione e riparazione del calcestruzzo.Il metodo di prova consiste nell’esercitare una trazione diretta di una pastiglia di acciaio fatta aderire alla superficie del sistema di riparazione, avendo definito l’area di prova ottenuta per carotaggio sulla superficie del campione.

PROVA PENETOMETRICA CON PISTOLA WINDSOR: ASTM C 803 Standard Test Method for Penetration Resistance of Hardened Concrete

La norma specifica un metodo di prova per determinare la resistenza del calcestruzzo in situ stimata a partire dalla profondità di penetrazione di un chiodo sparato da una pistola. Questo metodo è applicabile per valutare l’omogeneità del calcestruzzo e per delineare le zone di scarsa qualità o di calcestruzzo deteriorato nelle strutture.

PROVA DI CARICO: Nuove Norme tecniche per le costruzioni- D.M. 14 Gennaio 2008 

La normativa specifica le finalità e condizioni della prova di carico, spendendo anche particolare attenzione ai materiali degli elementi sottoposti a prova e alle responsabilità della figure tecniche coinvolte nella problematica.

PROVA CON MARTINETTI PIATTI SU MURATURA: ASTM C1196 – Standard Test Method for In Situ Compressive Stress Within Solid Unit Masonry Estimated Using Flatjack Measurements ; ASTM C1197 – Standard Test Method for In Situ Measurement of Masonry Deformability Properties Using the Flatjack Method

La norma specifica un metodo di prova per determinare in situ le caratteristiche di resistenza e deformabilità di una muratura esistente. La prova è effettuata e mediante l’utilizzo di martinetti piatti inseriti all’interno di un taglio eseguito in direzione normale alla superficie della muratura. Questo metodo di prova può considerarsi relativamente non-distruttivo ai fini della determinazione delle proprietà della muratura.

SAGGI VISIVI: Nuove Norme tecniche per le costruzioni- D.M. 14 Gennaio 2008 – Circolare 02 Febbraio 2009 – C8A.1.A.3

La norma pone attenzione alla valutazione della qualità muraria con riferimento agli aspetti legati al rispetto o meno della “regola dell’arte”. Dunque è di fondamentale importanza non solo caratterizzare la muratura per stimarne i parametri meccanici, ma verificare attraverso saggi visivi come essa è stata apparecchiata. Tali saggi sono condotti mediante la rimozione di una zona di intonaco di almeno 1 m x 1 m, al fine di individuare forma e dimensioni dei blocchi di cui è costituita la muratura, eseguita preferibilmente in corrispondenza degli angoli, al fine di verificare anche le ammorsature tra le pareti murarie.

SETTORE INDUSTRIALE

INDAGINE TERMOGRAFICA: UNI EN 13187-Prestazione termica degli edifici – Rivelazione qualitativa delle irregolarità termiche negli involucri edilizi – Metodo all’infrarosso; UNI 10824 – Prove non distruttive – Termografia all infrarosso – Termini e definizioni; UNI ISO 18434-1- Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine – Termografia – Parte 1: Procedure generali

VISUAL TESTING: UNI EN 13018–  UNI EN 13927–  UNI EN ISO 17637– Controllo non distruttivo delle saldature – Esame visivo di giunti saldati per fusione; EN ISO 5817– Saldatura – Giunti saldati per fusione di acciaio, nichel, titanio e loro leghe (esclusa la saldatura a fascio di energia) – Livelli di qualità delle imperfezioni;  UNI EN 12454 – Fonderia – Esame visivo delle discontinuità superficiali- Getti di acciaio colati in sabbia;  UNI EN 13100-1– Prove non distruttive di giunti saldati di prodotti semifiniti di materiale termoplastico – Esame visivo

LIQUIDI PENETRANTI: UNI EN 3452-1- Prove non distruttive – Esame con liquidi penetranti Parte 1: Principi generali; UNI EN 3452-2-Prove non distruttive – Esame con liquidi penetranti – Parte 2: Prove dei materiali utilizzati nell’esame con liquidi penetranti; UNI EN 3452-3 – Prove non distruttive – Esame con liquidi penetranti – Parte 3: Blocchi di riferimento per le prove; UNI EN 3452-4 – Prove non distruttive – Esame con liquidi penetranti – Attrezzatura; UNI EN ISO 3059- Prove non distruttive – Esame con liquidi penetranti e controllo magnetoscopico- Condizioni di visione; UNI EN ISO 23277- Controllo non distruttivo delle saldature – Controllo mediante liquidi penetranti – Livelli di accettabilità;   UNI EN 1371-2- Fonderia – Controllo con liquidi penetranti – Parte 2: Fusioni a cera persa

MAGNETOSCOPIA: UNI EN ISO 9934-1 – Prove non distruttive – Magnetoscopia – Parte 1: Principi generali; UNI EN ISO 9934-2 – Prove non distruttive – Magnetoscopia – Parte 2: Mezzi di rilevazione; UNI EN ISO 9934-3 – Prove non distruttive – Magnetoscopia – Parte 3: Apparecchiature; UNI EN ISO 17638 – Controllo non distruttivo delle saldature – Controllo con particelle magnetiche; UNI EN ISO 23278 –Controllo non distruttivo delle saldature – Controllo con particelle magnetiche – Livelli di accettabilità; UNI EN 1290- Controllo non distruttivo delle saldature – Controllo magnetoscopico con particelle magnetiche delle saldature; UNI EN 1291- Controllo non distruttivo delle saldature – Controllo magnetoscopico con particelle magnetiche delle saldature – Livelli di accettabilità; UNI EN 1369 Fonderia – Prova mediante polveri magnetiche; UNI EN 10228-1- Prove non distruttive dei fucinati di acciaio – Controllo magnetoscopico; UNI EN 10246-12- Prove non distruttive dei tubi di acciaio- Controllo mediante particelle magnetiche dei tubi di acciaio ferromagnetico senza saldatura e saldati per la rilevazione di difetti superficiali;  UNI EN 10246-18 – Prove non distruttive dei tubi di acciaio – Controllo mediante particelle magnetiche dell’estremità dei tubi di acciaio ferromagnetici senza saldatura e saldati per la rilevazione di imperfezioni laminari

NORMATIVE DI APPROFONDIMENTO

COSTRUZIONI ESISTENTI – CLASSIFICAZIONI DEGLI INTERVENTI – Nuove Norme tecniche per le costruzioni  D.M. 14 Gennaio 2008 – Capitolo 8 – Paragrafo 8.4

COSTRUZIONI ESISTENTI – LIVELLI DI CONOSCENZA – Nuove Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 Gennaio 2008 – Capitolo 8 – Sottoparagrafo C 8.5.4

COSTRUZIONI ESISTENTI – LIVELLI DI CONOSCENZA – COSTRUZIONI IN MURATURA  – Nuove Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 Gennaio 2008 – Circolare C8A Appendice al capitolo 8 – C8A.1.A

COSTRUZIONI ESISTENTI – LIVELLI DI CONOSCENZA – COSTRUZIONI IN CALCESTRUZZO ARMATO E IN ACCIAIO – Nuove Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 Gennaio 2008 – Circolare C8A Appendice al capitolo 8 – C8A.1.B

MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE – CONTROLLI DI QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO – Nuove Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 Gennaio 2008 – Capitolo 11 – Sottoparagrafo C11.2.1

MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE – CONTROLLO DI ACCETTAZIONE – Nuove Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 Gennaio 2008 – Capitolo 11 – Sottoparagrafo C11.2.5

MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE – CONTROLLO DELLA RESISTENZA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA – Nuove Norme tecniche per le costruzioni D.M. 14 Gennaio 2008 – Capitolo 11 – Sottoparagrafo 11.2.6

CALCESTRUZZO  – UNI EN 206-1 – Calcestruzzo – Parte 1: Specificazione, prestazione, produzione e conformità